La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 9784 del 2021, ha precisato come la preclusione probatoria, prevista dall’art. 32 comma 4 del Dpr 600/73, che non consente al contribuente, anche in sede contenziosa, di avvalersi della documentazione non esibita quando l’Ufficio ne abbia fatto richiesta in sede precontenziosa, non si applica se l’invito a produrla sia stato fatto dalla Guardia di Finanza.
———————————————————————
La Cassazione ha ritenuto infondata la censura, fatta dall’Agenzia Entrate, avverso la pronuncia della CTR ,che aveva confermato quella di primo grado.
I giudici del merito, infatti, avevano operato ad una società un notevole abbattimento dell’imponibile ,ridotto da 145mila euro a 15mila euro, alla luce della documentazione dalla quale si evincevano i notevoli costi sostenuti.
L’Ufficio ,in pratica, contestava che le Commissioni provinciale e regionale avessero erroneamente ritenuto utilizzabile la documentazione prodotta in giudizio dalla contribuente non applicando la preclusione probatoria .
I giudici di legittimità invece hanno ricordato che, nel caso in specie, la documentazione era stata richiesta dalla Guardia di finanza e non direttamente dall’Ufficio.
Pertanto la suddetta preclusione probatoria, che nemmeno necessita di eccezione di parte essendo rilevabile d’ufficio in ogni stato e grado del processo, non opera quando il tentativo di interlocuzione sia avvenuto a iniziativa della Guardia di Finanza nell’esercizio dei propri poteri investigativi previsti dall’art. 33 del Dpr n. 600 del 1973.

Avv. Salvatore Torchia

Scarica l’Ordinanza in pdf: Cass. Civ. Sez. 6, Ordinanza n. 9784 del 2021

Add Your Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.