Cass. Civ. Sent. n. 2735/2022: in caso di controllo automatizzato e qualora il contribuente abbia presentato una dichiarazione integrativa dei redditi, il termine di decadenza, di cui all’art. 25 del DPR n.602 del 1973, decorre dalla presentazione della dichiarazione integrativa. Però limitatamente agli elementi oggetto di integrazione.

La Suprema Corte ha ritenuto che i giudici di merito avevano errato nell'affermare che il termine di decadenza, per l'amministrazione finanziaria a seguito di controllo ex art. 36bis del DPR 600/73, decorresse dall'anno di presentazione della dichiarazione originaria e non da quello della dichiarazione integrativa. Di conseguenza ha accolto il ricorso dell'Ufficio precisand...
Leggi tutto...

Cass. Civ. Ordinanza n. 587/2022: l’estratto di ruolo non è più un atto autonomamente impugnabile, tranne in determinati casi, tuttavia la non impugnabilità non è retroattiva.

La Suprema Corte è stata chiamata a pronunciarsi perché l'Agenzia dell'Entrate, nonostante le numerose pronunce di merito circa l'applicabilità solo per il futuro delle disposizioni innovative introdotte dall'art. 3 bis del d.l. n.146 del 2021, che ha modificato l'art.12 del dpr n.602 del 1973, ne ha ritenuto la validità retroattiva. Di conseguenza ha impugnato la decisione...
Leggi tutto...

Corte di Cassazione, Ordinanza n. 4245 del del 10 febbraio 2022: le modifiche in aumento, apportate alle superficie tassabili ai fini Tarsu, rispetto a quelle dichiarate dai contribuenti, devono comunque essere rapportate dal comune alle planimetrie catastali, con apposita comunicazione delle variazioni da inviare al contribuente.

La decisione della Corte si riferisce al ricorso, proposto dal Comune di Frosinone, avverso la sentenza della CTR del Lazio che aveva accolto l'appello di un contribuente contro maggiori pretese Tarsu, oggetto di un avviso di accertamento per gli anni 2009-2010. Con tale atto veniva infatti individuata una maggiore superficie tassabile rispetto a quella dichiarata dal contr...
Leggi tutto...

In ricordo dell’Avv. Nunzio Bonaccorsi, galantuomo, esempio di correttezza e signorilità nella vita e nella professione.

Credo di avere conosciuto Nunzio Bonaccorsi a metà degli anni 80’ in occasione di qualche questione da Egli trattata per conto di mio nonno, il Cav. Pippo Leonardi. Piccolo di statura, mi parve subito una persona vivace ma al tempo stesso in grado di infondere tranquillità. Era il classico avvocato che sapeva occuparsi di tutto nell’ambito del diritto civile, oggi in un’epoca ...
Leggi tutto...