La Suprema Corte, con l’Ordinanza n. 29323/2022, ha dato ragione al condomino che si era visto rigettare dal Tribunale la sua domanda di risarcimento danni nei confronti del condominio e dell’amministratore.
Ha evidenziato detta Corte come l’esposizione dei dati personali, in luoghi aperti al pubblico, viola i principi legali di proporzionalità, pertinenza e non eccedenza del trattamento dei dati. In tal modo, infatti, le informazioni possono venire a conoscenza di coloro che transitano nelle parti comuni, come fornitori, parenti ed amici dei condomini.
Pertanto, fermo restando il diritto di ciascun condomino di conoscere la posizione degli altri proprietari, rispetto al pagamento degli oneri comuni, l’affissione di tali informazioni nella bacheca condominiale comporta un’indebita diffusione di dati personali, fonte di responsabilità civile.
Ha aggiunto che il danneggiato può ricorrere alla prova presuntiva e quindi, una volta provato il fatto materiale e la lesione degli interessi protetti, il danno va liquidato in via equitativa.

Avv. Salvatore Torchia

Scarica l’Ordinanza in pdf: Cassazione Civ. Ordinanza 29323 del 2022

Add Your Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.